Biografia

Silvano Moroni, Guida Escursionistica, Istruttore di Sci Alpinismo, viaggiatore, giornalista, fotografo, scrittore e Istruttore di Nordic Walking nasce a Sesto Calende, in provincia di Varese, il 27 dicembre del 1956. Studia medicina, ma abbandona presto la professione medica per dedicarsi alla sua principale passione: l’alpinismo in tutte le sue forme. A chi gli chiede come è nato questo suo interesse, è solito rispondere che “la colpa è tutta dei suoi genitori”: sin da ragazzino, la ricerca di “ciò che stava dietro la collina” è stata per lui una delle cose più importanti. Da questa curiosità è scaturito dapprima l’interesse per le montagne, il gusto di arrivare in vetta, “là dove si congiungono tutte le linee”. In seguito, però, si è fatta strada in lui l’idea che, una volta giunto in vetta – qualunque essa fosse – l’avventura era terminata: il sogno finiva, oltre non si poteva andare. Si doveva dunque ripartire alla ricerca di qualcosa di nuovo, di qualcosa che facesse scattare quella molla d’interesse che risiede in ognuno, ma che in molti rimane sopita.

Silvano-(1)003670036500366

Man mano che proseguiva in questa sua ricerca interiore, si rendeva anche conto che oltre alla cima esistevano i fianchi, che talvolta potevano suscitare anche più interesse. Per tale ragione ha iniziato ad approfondire le sue conoscenze in materia di antropologia, e questo l’ha portato – e lo porta tuttora – a visitare le più disparate regioni del pianeta, alla ricerca di quella meraviglia e di quell’emozione che si possono provare solo durante un incontro, dopo giorni e giorni di faticose ricerche, con i Pigmei dell’Africa, o con i Mudmen (uomini-fango) della Papua Nuova Guinea, o con tanti altri gruppi etnici che ormai corrono seri rischi di estinzione. Una ricerca che si rivela contemporaneamente una sfida a se stessi e ai propri limiti, una traduzione in atto della volontà di superare tutte quelle barriere psicologiche, sociali e culturali che la società moderna ci impone fin dalla più tenera età.

Oggi, dopo 30 anni peregrinazioni in ogni angolo del globo, Silvano Moroni ha al suo attivo centinaia di ascensioni sulle più alte vette del mondo, innumerevoli libri che descrivono i luoghi da lui visitati (Kenya, Etiopia, Camerun, Marocco, Tanzania, Yemen, Cipro, Malta, Grecia, Russia, Irlanda, Scandinavia, il Circolo Polare Artico, Perù, Bolivia, Venezuela, Ecuador, Mongolia, India, Nepal, Tibet, Papua Nuova Guinea, Niger, Algeria, solo per citarne alcuni), ed un numero ancor più elevato di articoli a carattere turistico, geografico e geo-politico pubblicati su varie testate a diffusione nazionale, oltre a svariati documentari realizzati per diverse reti televisive.

Il suo primo amore rimangono sempre le montagne: i loro paesaggi, la natura che le popola, ma anche le genti che di esse hanno fatto la propria dimora. Popoli spesso “primitivi” secondo i canoni della nostra civiltà, genti pacifiche o aggressive, ma tutte accomunate dalla quotidiana lotta per la sopravvivenza, condotta con tenacia, dall’alba al tramonto, con l’aiuto dei pochi mezzi che la natura aspra delle vette e degli altipiani può offrire. Ma il parametro stesso della povertà, avverte Silvano, può essere interpretato in vari modi: i popoli delle montagne possiedono una formidabile ricchezza interiore, che molti di noi non riusciranno mai a raggiungere, sprofondati come siamo tra bei vestiti e comodità. La capacità, propria di queste genti, di cercare e raggiungere la serenità interiore in condizioni di vita che ai nostri occhi appaiono drammatiche non può che far meditare seriamente sulla nostra società “civile” e le sue distorsioni.

A questo proposito Silvano ricorda soprattutto il popolo tibetano, quello che forse più di ogni altro lo ha impressionato. Durante le sue numerose ascensioni al “tetto del mondo”, molte sono state le occasioni per condividere l’esistenza di un popolo la cui la vita quotidiana scorre pacifica ad altitudini che a volte superano i cinquemila metri, circondata dagli sconfinati paesaggi montani delle vette himalayane. In quei luoghi impressionanti, dove coraggiosi monaci si ritirano a trascorrere l’intera esistenza in una solitudine assoluta, confortata solo dal mormorio delle preghiere, la spiritualità si fa quasi palpabile, trasformandosi, anche per il viaggiatore di passaggio, in un’esperienza che rimane nell’anima.

00370003710036900368

Ma le montagne, avverte Silvano, non sono l’unico luogo che ha il potere di parlare al cuore di un viaggiatore: ogni meta esercita un suo particolare fascino, perché ogni terra e ogni popolo hanno qualcosa da dire, qualche segreto da svelare a chi decide di intraprendere la non facile via dell’esplorazione autentica. Le sconfinate distese dei deserti, siano esse ricoperte dall’infinito oceano di dune che costituisce il Sahara, o assumano l’aspetto di desolate lande battute dal sole e dal vento come i deserti dell’Asia centrale, hanno generato anch’esse, al pari delle vette e degli altipiani, popoli e nazioni di venerabile antichità, ancor oggi ancorati con tenacia inaudita alle loro ancestrali tradizioni, inflessibili nello sforzo di sopravvivere ad una natura tremendamente ostile. Lo stesso si può dire delle tribù che abitano i più profondi recessi delle foreste, nel cuore dell’Africa o dell’America Meridionale, o nelle regioni più selvagge dell’arcipelago indonesiano.

La “molla” che ha sempre spinto Silvano a percorrere i sentieri del mondo, in cerca di terre semisconosciute e di culture lontane, altro non è che la curiosità; una dote, questa, oggi troppo spesso assente nella vita di una persona adulta, troppo occupata nella ricerca e nel consolidamento di una posizione sociale, di una solida carriera e della stabilità economica per dirigere lo sguardo verso orizzonti lontani. Ma le gratificazioni che una vita di ricerca e scoperta può offrire a chi ne accetta i mille disagi, imprevisti e – certamente – pericoli sono senza prezzo. Accostarsi alle genti più diverse, immergersi nel loro ambiente, dividere – anche se per breve tempo – le loro fatiche, le loro gioie, i piccoli riti della quotidiana esistenza è un’esperienza che trasforma profondamente, che arricchisce l’animo ed apre la mente, “costringendo” chi ne è protagonista a guardare il proprio stesso ambiente, naturale ed umano, con occhi che non saranno mai più gli stessi.

In questo modo anche il ritorno a casa acquisisce un senso nuovo: tornare significa applicare a quel che era già noto un nuovo modo di vedere e di pensare, che permette di scoprire nuove dimensioni e nuove profondità in quel che – si credeva – non aveva più nulla da insegnarci. Un esempio può valere per tutti: «Le osservazioni migliori nell’ambito della lotta per la sopravvivenza» ci dice Silvano «si possono cogliere nelle nostre città, dove le condizioni di vita sono spaventose. Nei miei viaggi ho capito che l’uomo è una macchina veramente unica, una macchina che, se supportata da un’apertura mentale adeguata e dal giusto equilibrio psichico, può adattarsi a qualunque ambiente. Posso dire di non aver imparato nulla che già non fosse in me, come del resto in ognuno di noi».